Compositori
Switch to English

François-Joseph Fétis

Voce
Pianoforte
Organo
Violino
Viola
Violoncello
String ensemble
Mixed chorus
Orchestra
A quattro mani
Writings
Per principianti
Theory
Biographies
Metodo
Solfeggios
Еsercizio
Musica sacra
Music history
Quintetto
per alfabeto
Biographie universelle des musiciens (Universali biografia dei musicisti)6 Messes faciles pour l'orgue (6 Messe facile per organo)Traité de l'accompagnement de la partition sur le piano ou l'orgue (Trattato di accompagnamento della partizione sul pianoforte o organo)Antoine StradivariNotice biographique sur Nicolo Paganini (Biographical Nicolo Paganini)String Quintet No.1Ouverture de concert à grand orchestre (Apertura concerto grande orchestra)36 Leçons de Solfège à changements de clefsLe parfait organisteMesse de RequiemGrand Sextet, Op.5String Quintet No.2 (Quintetto per archi n.2)Traité de chant en chœurHistoire générale de la musiqueSe i miei sospiriSolfèges progressifs
Wikipedia
François-Joseph Fétis (Mons, 25 marzo 1784 – Bruxelles, 26 marzo 1871) è stato un musicologo, compositore e docente belga.
Figlio di un organista, studiò al conservatorio di Parigi dove dal 1821 insegnò contrappunto e fuga.
Nel 1806 sposò una ricca ereditiera e successivamente la coppia si ritirò nelle Ardenne. Si impegnò in ricerche di carattere storico-musicale.
Nel 1813 venne nominato dapprima organista nella chiesa di S. Pietro in Douai e poi anche insegnante di musica nella scuola locale. Proprio in quegli anni compilò un Metodo per il canto ed uno per l'armonia.
Nel 1821 ritornò a Parigi dove ottenne l'incarico di insegnare composizione al Conservatorio, e cinque anni dopo fondò la Revue musicale, una rivista di musicologia, unica per il suo tempo. Contemporaneamente collaborò a giornali come il Temps e il National. Nel frattempo divenne anche bibliotecario del Conservatorio.
Nel 1833 divenne direttore del Conservatorio di Bruxelles, nomina che conservò fino alla sua morte. Ebbe per successore Françoise-Auguste Gevaert.
Compose musica per pianoforte a 2 e 4 mani; una sonata per violino; 2 sinfonie; una fantasia sinfonica per orchestra; una ouverture da concerto; un Requiem; romanze; 7 opere. Al Fétis è attribuita da alcuni musicologi la controversa Aria di Chiesa in mi minore, che di solito è attribuita ad Alessandro Stradella. (un altro autore a cui è attribuita è Louis Niedermeyer)
Scrisse la monumentale Biographie universelle des musiciens et bibliographie générale de la musique in 8 volumi, vera miniera di notizie storiche e aneddoti.
Ebbe tra i suoi allievi Luigi Agnesi, Jean-Delphin Alard, Juan Crisóstomo de Arriaga, Louise Bertin, William Cusins, Julius Eichberg, Ferdinand Hérold, Frantz Jehin-Prume, Jacques-Nicolas Lemmens, Adolphe Samuel e Charles-Marie Widor.