Compositori
Switch to English

František Ondříček

Violino
Pianoforte
Danza
Fantasia
Studio
Canzoni
Barcarola
Scherzo
Valzer
Berceuse
per popolarità
15 Künstler-EtüdenA la Canzona, Op.13Barcarole, Op.10Danses Bohêmes, Op.3Fantaisie sur des motifs de l’opéra 'La vie pour le Czar', Op.16 (Fantasia su motivi della Vita opera "per lo zar ', Op.16)Fantasie on Motifs from 'The Bartered Bride', Op.9 (Fantasie su motivi da 'La sposa', Op.9)Scherzo Capriccioso, Op.18Valse tristeWiegenlied (Ninnananna)
Wikipedia
František Ondříček (Praga, 29 aprile 1857 – Milano, 12 aprile 1922) è stato un violinista e compositore ceco. Suonò alla prima del Concerto per violino e orchestra di Antonín Dvořák e suoi successi vennero riconosciuti dalla rara assegnazione di membro onorario della Philharmonic Society di Londra (ora Royal Philharmonic Society) nel 1891.
Il suo fratello minore Karel Ondříček (nato nel 1865) diresse per un breve periodo l'orchestra del Teatro Nazionale di Prage, ed ebbe poi una buona carriera negli Stati Uniti.
František Ondříček era figlio del violinista e direttore d'orchestra Jan Ondříček. Studiò al Conservatorio di Praga con Antonín Bennewitz, ed venne poi sostenuto da Henryk Wieniawski con una borsa di studio che gli consentì di frequentare per due anni il Conservatorio di Parigi, dove condivise il primo premio con Achille Rivarde nel 1879.
Fu il solista della prima esecuzione del Concerto per violino Op. 53 di Antonín Dvořák, a Praga il 14 ottobre 1883, suonandolo poi a Vienna il 2 dicembre dello stesso anno. Nei tardi anni 1880 si stabilì a Vienna, dedicandosi all'insegnamento. Pubblicò anche un trattato sulla tecnica del violino nel 1909.
Dopo la fine della prima guerra mondiale, Ondříček fece ritorno a Praga, dove diresse la masterclass di violino al Conservatorio di Praga. Fra i suoi allievi si ricorda Karel Navrátil. Morì a Milano.
Oltre ad essere stato un violinista molto apprezzato, Ondříček fu anche un compositore. Le sue opere comprendono una serie di Danze boeme Op. 3 per violino e pianoforte, composta nel 1883, una Rapsodia boema op. 21 per violino e pianoforte del 1906, e un quartetto d'archi op. 22 del 1907. Lasciò anche delle cadenze per diversi concerti per violino, compresi quelli di Mozart e Brahms.