Compositori
Switch to English

Jacques-Martin Hotteterre

Flauti
Flauto dolce
Oboe
Cornamusa
Viola da gamba
Violino
Suite
Sonata
Piece
Metodo
Theory
Per principianti
Airs
Teoria musicale
Writings
Preludio
per popolarità
Airs et brunettes à deux et trois dessus pour les flutes traversièresL'art de préluder, Op.7 (L'arte del preludio, Op.7)Méthode pour la musette, Op.10 (Metodo per la musette, Op.10)Pièces pour la flûte traversiere, Op.2Pièces pour la flûte traversiere, Op.5Principes de la flute traversiere, de la Flute a Bec, et du Haut-bois, Op.1 (Principi di flauto Flauto un Bec, e il legno superiore Op.1)Suite in A major, Op.8Suite in B minor, Op.4Suite in D major, Op.2 No.1Suite in G major, Op.2 No.2Suite in G major, Op.2 No.3Suite in G major, Op.6Trio Sonata in A major, Op.3 No.5Trio Sonata in B minor, Op.3 No.3Trio Sonata in D major, Op.3 No.2Trio Sonata in E minor, Op.3 No.4Trio Sonata in G major, Op.3 No.6Trio Sonata in G minor, Op.3 No.1Trio Sonatas, Op.3 (Trio Sonate, Op.3)
Wikipedia
Jacques-Martin Hotteterre detto Le Romain (Parigi, 29 settembre 1674 – Parigi, 16 luglio 1763) è stato un flautista, compositore e fagottista francese.
Degno erede di una celebre famiglia di costruttori di strumenti a fiato, originaria di La Couture (oggi La Couture-Boussey nel dipartimento dell'Eure), Jacques-Martin Hotteterre fu senza dubbio il più dotato della sua dinastia, assieme a suo padre Martin, costruttore rinomato di flauti, che costruì alcuni esemplari anche per il compositore Jean-Baptiste Lully.
Si pensa che il soprannome Le Romain gli sia stato attribuito in seguito al fatto che egli fece un viaggio in Italia, cosa che comunque non è per nulla documentata. Egli entrò nel 1705 come suonatore di fagotto nella Grande Écurie, incarico poi cumulato con quello di flûte de la chambre du Roy. Egli fu un flautista molto rinomato e per questo strumento scrisse numerosi pezzi che si andarono ad assommare con quelli scritti da Marin Marais e Michel de La Barre.
Eccellente costruttore di strumenti a fiato, compositore e musicista di gran talento, egli ha lasciato ai posteri delle composizioni musicali come: Suites de pièces à deux flûtes (1712), Duo et rondeau (1708), etc., ma anche dei trattati a carattere tecnico e pedagogico come L'art de préluder sur la flûte traversière (1719), Principes de la flûte à bec ou flûte d'Allemagne, de la flûte traversière et du hautbois (1707) che vennero tradotti anche in olandese e in inglese.
La famiglia Hotteterre è conosciuta per aver apportato delle grandi innovazioni, intorno al 1670, alla costruzione di diversi strumenti a fiato, anche se queste non possono essere attribuite ad uno specifico esponente della famiglia.
Egli sposò nel 1728 a Parigi, Elisabeth-Geneviève Charpentier, figlia di un notaio e nipote di un consigliere del re, cosa che, aggiunta all'eredità del padre, gli permise di evitarsi un lavoro manuale e di dedicarsi alla composizione ed all'insegnamento. Jacques Hotteterre morì nel 1763 e suo figlio Jean-Baptiste gli succedette nelle cariche fino alla morte avvenuta nel 1770. La sua unica figlia Marie Geneviève si sposò con Claude Balbastre il 2 gennaio 1763 alla presenza di Jean-Philippe Rameau e di Jean-Joseph de Mondonville.