Compositori
Switch to English

Jean-Joseph de Mondonville

Voce
Violino
Orchestra
Mixed chorus
Flauti
Clavicembalo
Soprano
Sonata
Mottetto
Balletto
Opere
Pastorale
Salmi
Musica sacra
Piece
Ballets heroiques
per popolarità
6 Trio Sonatas, Op.2 (6 Trio Sonate, Op.2)6 Violin Sonatas, Op.16 Violin Sonatas, Op.4 (6 Violin Sonatas, op.4)Coeli enarrant gloriam DeiDafnís e AlcimaduraDe profundis clamavi (De Profundis clamavi)Jubilate Deo omni terra serviteLes fêtes de PaphosPièces de Clavecin avec voix ou violon, Op.5 (Pezzi clavicembalo con segreteria o il violino, Op.5)Pièces de Clavecin en Sonates, Op.3 (Clavicembalo Sonate Parts, Op.3)Sonates en trio pour deux violons ou flûtes avec la basse continueTiton et l'Aurore, Op.7 (Titon e Dawn, op.7)
Wikipedia
Jean-Joseph de Mondonville, noto anche come Jean-Joseph Cassanéa de Mondonville (Narbona, 25 dicembre 1711 – Belleville, 8 ottobre 1772), è stato un compositore e musicista francese.
Nacque in una famiglia aristocratica, il cui trasferimento a Parigi, avvenuto nel 1733, gli consentì di ottenere diversi incarichi, tra i quali quello di violinista concertista, famoso ed apprezzato, grazie ad una intensa attività; nel 1744 raggiunse il ruolo di intendente della musica della cappella di Versailles, e nel periodo compreso tra il 1755 e il 1762 la direzione dei Concerts spirituels.
Durante la celeberrima Querelle des Bouffons, scatenata fra i difensori della musica italiana e quelli della musica francese, l'opera di Mondoville intitolata Titon et l'Aurore che ebbe la prima assoluta all'Académie Royale de Musique di Parigi nel 1753, venne messa in competizione con l'opera di Giovanni Battista Pergolesi, La serva padrona e grazie a questo evento riscosse un ottimo successo.
Si distinse soprattutto per la composizione di opere, tra le quali si annoverano Le Carnaval du Parnasse, Daphnis et Alcimadure, Psyché, che furono accolte con favore nei più importanti teatri, anche grazie al gradimento manifestato da Madame de Pompadour; inoltre realizzò un buon numero di mottetti, oratori, brani per clavicembalo, per violino.
I nove grandi mottetti di Mondonville sopravvissuti sono: