Compositori
Switch to English

Vincenzo Valente

Voce
Pianoforte
Mixed chorus
Orchestra
Soprano
Tenore
Basso
Canzone
Canzoni
Tarantella
Danza
Opere
Serenata
Duetto
Opera comica
Operette
Fairy operas
per popolarità

#

'A cammisa affatata'A chiena e 'a vacanta'A pizzaria 'e don Saveratore'A primma donna'A testa 'aruta'E giesummine 'e Spagna'E tre code'O cacciatore'O jettatore'O malandrino'O Perezzullo'O scrivano

A

Acqu'affatate!Ammore, ammore!

B

Basta ca po!BemmenutoBuh! buh!

C

Carmenè, dì: sìChe buò fà?Che ve ne pare?Comme te voglio amà!..Core (Nucleo)

D

Don saverioDonna Rosa a speranzella!

F

Femmene cacciatore!

I

I granatieriIl fidanzatoIl massaggioIo nun te voglio amà!Ipnotismo

L

L'appuntamentoLe Nnenne ufficialeLisuzzaLo canzoniereLo sventramento (Il sventramento)Lo telefonoL'omnibus

M

M'abbruscia, signurì!...Mamma SchiavonaMatalèMmaculatì!Muglierema comme fa?Muntevergine

N

No consiglio proprio a licchettoNunziè che chiagne a fa?Nzunchete, nzu!

P

Piscetiello, piscetiéPotimm'accumenzà

R

Retirate, cappellò!Rosaura rapita

S

Scennite le ccazettelle ca se schiattano li tubeSerenata all'Imperatore di GermaniaSerenata scumbinataSmanieSouviens-toi (Ricordare)Statte, Peppì!..Suonne d'oro

T

Tarantella scuraTarantella sorrentinaTiempe belle (Bella Tiempe)

V

Vienece, suonno!Vocca addurosa!Vurria
Wikipedia
Vincenzo Valente (Corigliano Calabro, 21 febbraio 1855 – Napoli, 6 settembre 1921) è stato un compositore e paroliere italiano.
È stato un famoso compositore di canzoni napoletane.
Compose il suo primo pezzo all'età di soli quindici anni (Ntuniella), iniziando successivamente una collaborazione con Giambattista de Curtis per il quale musicò il brano A pacchianella.
Compose una decina di operette, tra le quali I granatieri del 1888 e fu l'autore dei testi per l'attore di macchiette, Nicola Maldacea, ma la sua attività principale consisté nel comporre numerose canzoni napoletane; una delle più famose fu Tiempe belle del 1916.
Prese parte alla cosiddetta Società dello Scorfano, sodalizio artistico che sottolineava ironicamente la bruttezza dei suoi aderenti e che contava nelle sue file, tra gli altri, anche il poeta Ferdinando Russo