Violino Solo
Violino + ...
Per principianti
Compositori
Switch to English

Quintetto della trota

Compositore: Schubert Franz

Strumenti: Violino Viola Violoncello Contrabbasso Pianoforte

Tags: Quintetto

#Arrangiamenti

Scarica spartiti gratis:

Complete. Complete Score PDF 7 MBComplete. Violin PDF 1 MBComplete. Viola PDF 1 MBComplete. Cello PDF 1 MBComplete. Bass PDF 0 MB
Complete. Complete Score (high quality) PDF 9 MBComplete. Complete Score (scan) PDF 9 MB
Complete. Violin PDF 1 MBComplete. Viola PDF 0 MBComplete. Cello PDF 0 MBComplete. Double Bass PDF 0 MB
Complete. Complete Score PDF 16 MB
Selections. IV. Tema con variazione PDF 2 MBSelections. V. Finale PDF 3 MB
Complete. Complete Score PDF 9 MB
Complete. Piano Part PDF 12 MBComplete. Violin PDF 4 MBComplete. Viola PDF 4 MBComplete. Cello PDF 4 MBComplete. Bass PDF 3 MB
Complete. Piano Part PDF 11 MBComplete. Violin PDF 4 MBComplete. Viola PDF 4 MBComplete. Cello PDF 4 MBComplete. Bass PDF 3 MB

Arrangiamenti:

Altri

A quattro mani (Hugo Ulrich) Pianoforte(2) (Carl Burchard) A quattro mani (Joseph Czerny)
Wikipedia
Il quintetto per pianoforte e archi in la maggiore detto La trota è un'opera di Franz Schubert. Nel catalogo Otto Erich Deutsch delle opere di Schubert porta il numero D. 667. L'opera fu composta nel 1819, da uno Schubert ventiduenne e non venne pubblicata prima del 1829, un anno dopo la sua morte.
Piuttosto che un normale quintetto per pianoforte e quartetto d'archi, Schubert scrisse un pezzo per pianoforte violino, viola, violoncello e contrabbasso. Il compositore Johann Nepomuk Hummel riarrangiò il proprio settetto per lo stesso organico strumentale, e il quintetto La trota venne eseguito dallo stesso gruppo di esecutori che suonarono il lavoro di Hummel.
L'opera è conosciuta come La trota poiché il quarto movimento è una variazione sul precedente Lied di Schubert Die Forelle ("La trota"). A quanto pare, il quintetto era stato scritto per Sylvester Paumgartner, di Steyr in Alta Austria, un ricco mecenate musicale e violoncellista dilettante, che aveva suggerito a Schubert di inserire una serie di variazioni sul Lied. Variazioni sulle melodie dei suoi Lieder si trovano in altre quattro opere di Schubert: nel quartetto La morte e la fanciulla, nelle variazioni per flauto e pianoforte "Trockne Blumen" (D. 802), nella Wanderer-Fantasie e nella Fantasia in do maggiore per violino e pianoforte (D. 934, "Sei mir gegrüßt").
La sestina di accompagnamento del brano viene utilizzata come motivo unificante in tutto il quintetto ed i relativi dati appaiono in quattro dei cinque movimenti - tutti tranne che nello scherzo. Come nella canzone, la linea è di solito introdotta dal pianoforte, in ordine crescente.
Rispetto ad altre importanti opere da camera di Schubert, come ad esempio gli ultime tre quartetti d'archi e il Quintetto per archi, il quintetto La trota è un lavoro piacevole, caratterizzato da una minore coerenza strutturale, in particolare nei suoi movimenti esterni e nell'Andante. Questi movimenti contengono ripetizioni insolitamente lunghe di materiale precedente, forse convertito, con poca o nessuna rielaborazione strutturale, e volto a generare un complessivo disegno unitario drammatico ("meccanico" nelle parole di Martin Chusid).
L'importanza del pezzo deriva principalmente dall'uso di un linguaggio armonico originale e innovativo, ricco di medianti e cromatismi, e dalle caratteristiche timbriche del pezzo. Per quanto riguarda quest'ultimo, il quintetto La trota ha una sonorità unica tra le opere da camera per pianoforte e archi, principalmente per effetto della parte del pianoforte, che per le parti sostanziali del pezzo si concentra sul registro più alto dello strumento, con entrambe le mani che suonano la stessa linea melodica ad un'ottava di differenza. Tale scrittura si verifica anche in altre opere da camera di Schubert, come nei trii per pianoforte, ma in misura molto minore. Tale scrittura timbrica può aver influenzato le opere musicali romantiche di compositori come Frédéric Chopin, che ammiravano la musica di Schubert per pianoforte a quattro mani.
Il quintetto è la colonna sonora del film The Trout del 1969 del regista Christopher Nupen, con Itzhak Perlman, Pinchas Zukerman, Jacqueline du Pré, Daniel Barenboim e Zubin Mehta in una registrazione alla Queen Elizabeth Hall di Londra.