Violino Solo
Violino + ...
Per principianti
Compositori
Switch to English

Doppio concerto

Compositore: Brahms Johannes

Strumenti: Violino Violoncello Orchestra

Tags: Concerto

#Parti
#Arrangiamenti

Scarica spartiti gratis:

Complete Score (scan) PDF 14 MB1. Allegro PDF 2 MB2. Andante PDF 0 MB3. Vivace non troppo PDF 1 MB
Complete Score PDF 10 MB
Complete Score PDF 25 MB

Parti per:

Violino
TuttoVioloncelloViolinoViolaTrombaTimpanoSassofono contraltoOboeFlautiFagottoCornoClarinetto

Arrangiamenti:

Violino + ...

Violoncello + Pianoforte + Violino (Unknown) Violoncello + Pianoforte + Violino (Unknown) Violoncello + Pianoforte + Violino (Unknown) Violoncello + Pianoforte + Violino (Unknown)

Altri

A quattro mani (Robert Keller)
Wikipedia
Il Concerto per violino e violoncello in la minore, op. 102, detto Doppio Concerto, di Johannes Brahms, è un concerto composto nel 1887.
Questa forma musicale resta rarissima nel XIX° secolo ed il suo pendant è il celebre Triplo concerto di Ludwig van Beethoven. Il concerto per solisti multipli era abbastanza normale anteriormente, come attestano i vari esempi di concerto grosso, le sinfonie concertanti ed i precedenti di Wolfgang Amadeus Mozart.
Si tratta dell'ultima opera sinfonica del musicista, posteriore di due anni alla sua quarta ed ultima sinfonia.
Brahms doveva scrivere inizialmente un concerto per violoncello, per il suo amico Robert Hausmann. Nello stesso periodo si era scontrato con un altro amico di lunga data, il violinista József Joachim, in occasione del suo divorzio (aveva difeso l'ex-moglie). Il compositore colse l'occasione per dedicare anche a lui il suo lavoro, in segno di riconciliazione.
La prima ebbe luogo a Colonia il 18 ottobre 1887, con l'Orchestra di Gürzenich, sotto la direzione di Brahms stesso, ed avendo come solisti i due dedicatari.
L'opera è formata da tre movimenti e la sua esecuzione dura circa trenta minuti.
In la minore, in 4/4, in una forma molto libera e con una ricchissima invenzione tematica: 3 temi principali e 8 idee secondarie, un numero a cui Brahms arrivò raramente. Tutto il movimento è pervaso da un brillante e ardente virtuosismo che però non è mai fine a se stesso.
In re maggiore, in 3/4, costruito in forma di Lied tripartito: un'ampia e misteriosa ballata, dal clima sognante di leggenda, che ricorda alcune fra le più belle pagine del giovane Brahms.
Un pezzo in la minore, in 2/4, molto particolare, ricchissimo di idee e di grande magniloquenza sinfonica come il primo movimento: suddiviso in tre parti e tuttavia con una sostanza tematica che fa pensare più che alla forma-sonata al rondò, con la sua fisionomia di danza gioiosa e popolare.