Voce Solo
Voce + ...
Per principianti
Compositori
Switch to English

Werther

Compositore: Massenet Jules

Strumenti: Voce Mixed chorus Orchestra

Tags: Lyric dramas Opere Lyric operas

#Parti
#Arrangiamenti

Scarica spartiti gratis:

Prelude PDF 1 MBAct I PDF 21 MBAct II PDF 19 MBAct III PDF 20 MBAct IV PDF 12 MB
Complete Score PDF 11 MB
Complete Score PDF 48 MBPreliminaries - Act I PDF 15 MBAct II PDF 12 MBAct III - Act IV PDF 19 MB
Complete Score PDF 12 MB
Complete Score PDF 21 MBPreliminaries - Act I - Act II PDF 13 MBAct III - Act IV PDF 8 MB
Act II, Sophie's Aria: "Frere! Voyez!" PDF 0 MB
Part 1 of 2 PDF 83 MBPart 2 of 2 PDF 87 MB
Prelude PDF 1 MB

Parti per:

Voce
TuttoVioloncelloViolinoViolaTubaTromboneTimpanoSassofono contraltoOboeFlautiFagottoCorno ingleseCornoCornettaClarinettoArpa

Arrangiamenti:

Altri

Complete. Pianoforte (Unknown)Complete. A quattro mani (Alder, Ernest)Clair de lune (Act II). Pianoforte (Unknown)Clair de lune (Act II). Arpa (Achard, Marguerite)
Wikipedia
Werther è un dramma lirico in quattro atti di Jules Massenet su libretto in francese di Édouard Blau, Paul Milliet e Georges Hartmann, tratto dal romanzo epistolare I dolori del giovane Werther di Goethe.
Massenet iniziò a lavorare su questo progetto fin dal 1880 e lo scrisse poi principalmente negli anni tra il 1885 e il 1887. La prima rappresentazione (con libretto tradotto in tedesco da Max Kalbeck) avvenne solo nel 1892, il 16 febbraio alla Wiener Staatsoper, dove riscosse un buon successo.
Nello stesso anno il 13 novembre avvenne la prima al Deutsches Nationaltheater di Weimar e la prima rappresentazione della versione in francese il 27 dicembre al Grand Théâtre di Ginevra.
Il 16 gennaio 1893 avviene la prima nel Théâtre national de l'Opéra-Comique di Parigi ed il 24 gennaio al La Monnaie/De Munt di Bruxelles.
L'opera debutta oltreoceano il 29 marzo 1894 all'Auditorium Building di Chicago con Jean de Reszke diretto da Luigi Mancinelli, mentre nel Regno Unito la prima è stata l'11 giugno dello stesso anno alla Royal Opera House di Covent Garden a Londra, sempre con De Reszke per la Sir Augustus Harris Opera Company.
Per quanto riguarda le prime esecuzioni in Italia, Werther debutta a Milano il 1º dicembre 1894 e poi al Teatro alla Scala il 20 marzo 1895 nella traduzione di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci con Rosina Storchio. Sarà poi al Teatro La Fenice di Venezia il 18 aprile 1897, al Teatro Costanzi di Roma va in scena il 30 dicembre 1899 con Fernando De Lucia, a Bologna nel 1901 al Teatro Duse (sarà poi rappresentata al Teatro Verdi, al Teatro Apollo e al Teatro Comunale) e il 6 gennaio 1906 al Teatro Regio di Parma.
Nel 1902 Werther venne allestito a San Pietroburgo in una particolare edizione con il baritono Mattia Battistini nel ruolo di titolo, originariamente scritto per tenore, adattato appositamente al registro di baritono dal compositore francese, tale era all'epoca il prestigio del cantante italiano.
Nel 1928 ebbe luogo la millesima recita al Théâtre national de l'Opéra-Comique con Giuseppe Lugo.
L'azione si svolge nell'anno 1780 a Wetzlar, città nell'Assia.
Sophie, quindicenne figlia del borgomastro, assiste la sorella maggiore Charlotte che si sta preparando per un ballo. Tra i partecipanti c'è il giovane Werther (Je ne sais si je veille), che il borgomastro presenta alla figlia maggiore. Mentre tutti sono al ballo, Sophie, rimasta sola a casa, viene raggiunta da Albert, fidanzato di Charlotte, che fa ritorno da un lungo viaggio. Sophie lo rassicura circa la fedeltà e la serietà del sentimento della sorella (Elle m'aime). I due si congedano e rientrano Werther e Charlotte: il giovane le dichiara il suo amore, ma la ragazza gli parla della promessa, fatta alla madre morente, di sposare Albert. Werther, pur affranto, non si oppone (Il faut nous séparer).
Nella piazza di Wetzlar si celebrano le nozze d’oro del pastore. Albert e Charlotte sono sposi da tre mesi e gli amici brindano alla loro unione. Werther, che da lontano assiste alla scena, viene raggiunto da Albert che, conoscendo i suoi sentimenti, gli dichiara di stimarlo per la sua rinuncia. Sophie, innamorata di Werther, lo invita invano a ballare. Il giovane vuole parlare con Charlotte e la attende vicino alla chiesa per dichiararle ancora una volta il suo amore: ella gli consiglia di allontanarsi per qualche tempo. Rifiuta un nuovo invito alle danze di Sophie e le comunica che se ne andrà per sempre: a questa notizia la giovane scoppia in lacrime.
La vigilia di Natale Charlotte è inquieta e rilegge una lettera di Werther, mentre Sophie le chiede se sia triste a causa dell’assenza del giovane (Je vous écris): Charlotte non riesce a dissimulare di fronte alla sorella e cade in un pianto dirotto. Sopraggiunge proprio in quel momento Werther, che è tornato. Mentre le legge alcuni versi di Ossian le strappa un bacio, ma dopo questo fugace momento di abbandono la donna fugge rinchiudendosi in una camera (Pourquoi me réveiller). Werther lascia la casa: ora sa che non c’è felicità per lui. Poco dopo manda un biglietto ad Albert per chiedergli in prestito le sue pistole, adducendo il pretesto di un viaggio. Charlotte intuisce la verità e si precipita a casa di Werther.
È la notte di Natale. Il giovane giace morente nel suo studio e, sentendo la voce di Charlotte, si rianima per un attimo, giusto il tempo di chiedere perdono e invocare una serena sepoltura (Là-bas, au fond du cimitière). Charlotte ha appena il tempo di confessargli la verità: ella lo ha sempre amato e si rimprovera di aver sacrificato i propri veri sentimenti a un giuramento. Werther morirà felice di questa confessione.